24/09/09

Lenghe locâl: vantaç competitîf o tare di eliminâ?

“Ziurtagiriaren Elkartea” al è un organisim che al promôf e al certifiche l’ûs dal euskara (la lenghe basche) framieç dai sogjets economics. Tal ultin an a son stadis 195 lis entitâts che a àn otignût la certificazion “Bai Euskarari”. Al podarès someâ contraditori che intun moment di crisi si spindi par otignî cheste certificazion, invezit, par chestis aziendis – al spieghe Rober Gutíerrez, diretôr de “Ziurtagiriaren Elkartea”, suntun articul publicât sul cuotidian Gara – investî sul euskara al puarte beneficis. Cuâi sono chescj beneficis? Gutíerrez a ‘nt presente in particolâr trê.
Inovazion. Tal procès creatîf e di vendite di un prodot o di un servizi, la sielte de lenghe di doprâ e condizione il risultât finâl. Cambiâ lenghe nol è sempliç, ma al vûl dî inovâ e pes aziendis che a inovin al è plui facil lâ indenant.
Cualitât dal servizi. Il client al à miôr doprâ la lenghe che al sint plui dongje. Par che i prodots o i servizis di une imprese a sedin plui competitîfs e di cualitât, il client al à di podê sielzi la lenghe che al à miôr. L’ûs de lenghe dal puest al permet di jessi plui dongje dal client e di vê plui confidence.
Produtivitât. L’ambient di lavôr al influìs su la sodisfazion dai dipendents e, duncje, sul lôr leam cu la aziende. Diviersis impresis che a doprin la lenghe locâl si son visadis che cussì a cressin lis motivazions e il sintiment di partignince dai dipendents. Plui alte e je la motivazion, plui alte e je la produtivitât.
Sù par jù tes stessis zornadis, invezit, su la stampe regjonâl si podeve lei un intervent dal president regjonâl de Confindustrie, Alessandro Calligaris, là che si diseve che pal avignî des aziendis nostranis al covente che i fruts a studiin l’inglês e il cinês, no fevelâ di lenghe locâl. Al è zaromai di agns che o sintìn cheste naine e, se nancje lis vuadoladis de crisi a àn sburtât a frontâ plui a fonts cheste cuestion, al è pardabon di ce preocupâsi.

11 commenti:

Comitât 482 ha detto...

O publichìn ancje une letare che nus è rivade ta chestis zornadis in mert aes declarazions di Calligaris.

CUANT CHE NO SI SA, SI TÂS! (I PART)

”Dobbiamo formare i nostri ragazzi per il mondo e dobbiamo insegnare loro l'inglese o il cinese, non parlare di lingue locali o dialetti”: lo ha detto oggi a Trieste il presidente di Confindustria Friuli Venezia Giulia Alessandro Calligaris. “Quale sarà - si è chiesto Calligaris parlando a un convegno sull’economia del Nord est - il futuro delle aziende del made in Italy quando le aziende non saranno più competitive con l'intangibilità del prodotto? Quale sarà il valore aggiunto?”. Ecco perchè, secondo il presidente di Confindustria del Friuli Venezia Giulia, “dobbiamo sapere vendere il nostro prodotto nel mondo, e - ha concluso - formare i nostri ragazzi per il mondo!. (ANSA) Queste le dichiarazioni riportate dall’Agenzia ANSA e riprese martedì 22 settembre sulla stampa locale. Ma l’imprenditore Alessandro Calligaris risulta anche essere a capo di una delle più importanti aziende del distretto della sedia di Manzano. Distretto che pare non passarsela troppo bene. Scrive Dario Di Vico sul Corriere della Sera in un suo editoriale del 12 settembre 2009, editoriale in linea anche in internet: A nordest le piccole riaprono ma i distretti restano al buio – (…) Nel distretto della sedia di Manzano: secondo i dati della CONFARTIGIANATO locale più di cento aziende sono a rischio di imminente chiusura. E siccome sono molto curiosa, ho voluto saperne di più su questa crisi e così ho “rovistato” in internet. Ho trovato una interessante relazione della File CGIL regionale scritta presumibilmente nel 2006 e pubblicata in internet sul sito www.fileacgilregionalefvg.it. A pagina 6 di questa relazione si può leggere: I grossi gruppi sediari industriali delocalizzando notevoli fasi della propria attività in Paesi a basso costo di mano d’opera, come detto, hanno inferto un duro colpo a questo comparto formato da piccole aziende tipicamente terziste, la cui produzione dipendeva quasi totalmente da questi grossi gruppi. Soluzioni suggerite in questa relazione per superare la crisi? A pagina 8 si suggeriscono tre interventi. 1) la ricerca di differenziazione nei confronti della concorrenza attraverso il design originale e l’innovazione di prodotto. 2) la diversificazione nell’ambito del settore dell’arredamento . 3) Infine lo sviluppo della funzione di marketing all’interno della impresa con particolare attenzione all’analisi dei mercati attuali e potenziali. (...)

Comitât 482 ha detto...

CUANT CHE NO SI SA, SI TÂS! (II PART)

(...)
Come vede, Signor Calligaris, in questa relazione, non si consiglia lo studio della lingua inglese e ancor meno si contrappone questa lingua alla tutela, costituzionalmente garantita, della lingua friulana. Perché dunque, nel suo intervento pubblico a Trieste, questo duro attacco alla tutela della lingua friulana? Perché continuare a gettare “letame” sui diritti linguistici del popolo friulano? Forse una lingua esclude un’altra? Perché ignorare, ad esempio, la realtà della Catalogna, ove a fianco di una forte industrializzazione, c’è una grande attenzione e tutela della lingua locale, il catalano? E il Galles e l’Irlanda? Sono paesi che spendono cifre notevoli per la tutela del gallese e del gaelico. Eppure hanno avuto uno sviluppo economico notevolissimo. E’ vero che da due anni a questa parte è di gran moda lo squadrismo linguistico e i nemici della tutela della lingua friulana non perdono occasione per diffamare il Friuli, i friulani e la nostra lingua, ma non mi sarei mai aspettata che anche Lei fosse della partita. Si occupi piuttosto della grave crisi del distretto della sedia di Manzano e lasci perdere tematiche come la tutela della lingue minorizzate che, a mio giudizio, Lei pare non conoscere affatto. Cuant che no si sa si tâs, cussì no si riscje di fâ brute figure!

Roberta Michieli - Tavagnacco

Anonimo ha detto...

tai pais bascs a san f abezz ancje cu8n il sidra di meei a si cjata ancje in via sarpi al madrid no i vin int come calligaris cal vul fa credi che l ingles e il cines a son lis lewnghis del futur si ma ai solits fis di papa ca vivin di reendita un furlan cun 10, mill in bancje al poz save 200 lenghis se ale blocat da 4000 intralac s signore calligari 2 i cines in italia ma ancje in USA olanda spagna a fazin bisness ancje se a son 60 agns tal pais dacuienze chel ca diz lui alle un fals probleme

Anonimo ha detto...

un cal frequente la scuele elementar o medie a no la bisugne ddi impara il cines

Jaio Furlanâr ha detto...

Ce ch'al é da dî dai bascs al é da dî. Ma ancje dai furlans.
Che nancje i romans a sedin rivâts a fàur gambiâ le lenghe, al ûl dî che i bascs, o ch’a son veramenti cjastrons o ch’a son pronts a batisi fint in somp pas lôr tradizions. Se po' cualchi scalmanât al si met a fâ atentâts gratuits al é normâl che cuant ch'al rive il moment, cualchidun (come Aznâr pai atentâts dai trenos) al dedi le colpe a lôr ancje sa no é.
Nô o vin di fâ il contrari.
Invesit di cjacarâ come quatri portinârs ch’a son daûr a puartâ fûr lis scovacis e a si contin ce che an vidût a la rai dal cazzo invesit dal rai de frice, al si puedarès invesit cjacarâ come quatri abituâts di ostarie e considerâ lis rôbis in tune manière plui origjinâl.
Sicome ch’o no vin né il sanc dai bascs, ne le volontât dai trentins né le religjon musulmane dai cecens, né i cojons par fâ saltâ i trenos ma avonde vin par dâsi coragjio, al si puedarès amancul vê imagjinazion par cjatâ alcaltri.
Da chi indenant, o proponarès di rivendicâ duç i atentâts ch’a fasin chei âltris prime ch’a sedin atribuîts a cualchidun altri. Forsit cussí o rivarin adore a tirâ le atenzion sù di nô e a otignî alc par da bon.
Le gnove divîse aé : Il purillo basc sul cjâf, un façalet di palestinês tal cuel, un pâr di barghesis di corean a la tirolês e un pâr di scarpets cun le ponte a l’insù à la cjargnele. Se il vistît a nol fâs il frâri, forsit che il frâri al fasarà il vistît ! Mandi! !

Anonimo ha detto...

il furlanar a la razon plui che manda iu int a Rome - A SCJALDA POLTRONIS- a vignaressin su subit ducj i gjornaliscj -GOSSIPARS occupats a riempi i gjiornai di cualche troiutte puglies ca da le frice pa fa carierre

Anonimo ha detto...

ami ven di ridi la tesi di calligaris la catalunya ae une des 5 regjion plui dinamiche economicament d europe il pais basc une des plui industrial e cultural lait a domanda ai americans del gughenheim

Anonimo ha detto...

publioait la lettere di d aronco del messager di ue

Anonimo ha detto...

MAGARI I VARESSIN IL ZIR ECONOMIC PRODOT DE LENGHE BASCHE

Anonimo ha detto...

sarebbe sucesso in spagna un articolo cosi ci sarebbe stato una solevazione a bilbao san sebastian e barcelona la sinistra laica che spara su minoranze linguistichee possono esistere solo in italia

Anonimo ha detto...

forsi i sin masse blanc par lor