13/08/08

Cui sono cumò i estremiscj?

Sarà che o sin tal mieç di Avost e che tancj politics di chenti a son ancje lôr in feriis, ma chest viaç no si à sintût inmò nissun a vosâ cuintri dai “talibans”, dai “integraliscj”, dai “estremiscj” dal furlan! O forsit al è parcè che cheste volte, a dî lis stessis robis che al diseve il Comitât 482 sul insegnament dal e par furlan, e je la Direzion gjenerâl pai ordenaments dal sisteme statâl di istruzion e pe autonomie scolastiche dal Ministeri pe istruzion...

Il rest dal coment su la gnove che us vin segnalât inta chest post lu cjatais achì.

2 commenti:

Comitât 482 ha detto...

La circolâr ministeriâl sul plan dai intervents e dai finanziaments dai progjets previodûts de leç 482/99 pal an scolastic 2008 – 2009, di fat, no fevele dome di ûs veicolâr des lenghis minoritariis inte scuele (ven a dî doprâ chestis lenghis par insegnâ altris materiis), ma e dîs a clâr che i finanziaments a laran prin di dut propit ai progjets che a previodin chest sisteme di insegnament. Il parcè al è facil di capî: parcè che il sisteme miôr par imparâ une lenghe al è propit chel di doprâle par studiâ altris materiis e parcè l’ûs veicolâr des lenghis minoritariis inte scuele al è previodût de leç 482/99.
Intant de discussion e po de votazion de gnove leç regjonâl su la lenghe furlane, invezit, chel dal ûs veicolâr dal furlan inte scuele al jere stât un dai ponts plui contestâts di cuasi dutis lis fuarcis dal centri diestre (fûr che la Leghe Nord), ma ancje di cualchi rapresentant dal centri çampe dentri e fûr dal Consei regjonâl (baste pensâ a cui che al à sburtât pe impugnazion di un pôcs di articui de leç denant de Cort Costituzionâl taliane). Cun di plui, nol è tant che cierts rapresentants de maiorance che vuê e guvierne la Regjon a àn tornât a dî che propit chel dal ûs veicolâr de lenghe al sarà un dai ponts de leç 29/07 che si larà a modificâ…
Lontan de viamence di cierts siei compagns di coalizion, l’atuâl assessôr regjonâl pe culture Roberto Molinaro, ai 5 di Avost al declarave sul cuotidian “Il Piccolo” che “Se le scuole hanno specifici progetti per lo studio in friulano potranno portarli avanti con le risorse finanziate. Quello che non garantiamo è la continuità nel lungo periodo, ovvero lo studio della lingua veicolare durante tutto l’anno scolastico.” Vuê, intervistât da “Il Gazzettino”, l’assessôr regjonâl al dîs che “La legge non è da buttare, semmai va mitigata in alcuni ecessi; la circolare del Ministero della Pubblica istruzione dichiara che non si deve prevedere solo l’insegnamento del friulano, ma anche con il friulano. Ma ci sono aspetti delle norme regionali da rivedere. Mi riferisco all’uso della marilenghe nelle pubbliche amministrazioni, così come pure alle modalità di scelta degli studenti di avvalersi dell’insegnamento del friulano e dell’autonomia scolastica.”
Come Comitât 482 o sperìn che l’assessôr Molinaro (e cun lui chei altris aministradôrs regjonâi) si rindi cont che i “talibans” no sin nô, ma chei che a van dilunc a fâi cuintri a di une politiche linguistiche serie pal furlan. Parcè che, come che e ricuarde ancje la circolâr ministeriâl: “La diversità linguistica è un elemento fondamentale di cultura e democrazia.” Dut câs, par garantî pardabon la diviersitât linguistiche no bastin lis peraulis, ma a coventin i fats. Il Ministeri al à mot un pas impuartant, la Regjon Friûl – Vignesie Julie ce intindie di fâ?

roby ha detto...

Cui sono i estremiscj?

Gazetin di PN dal 13 di Avost 2008 - PRIME PAGJINE - rubriche "INTERVENTO"


http://www.gazzettino.it/VisualizzaArticolo.php3?Luogo=Pordenone&Codice=3877530&Data=2008-08-13&Pagina=1&Hilights=friulano