17/06/08

Preocupâts pes declarazions dal assessôr Molinaro

L'assessôr regjonâl pe culture Roberto Molinaro al à fat des declarazions une vore preocupantis su la aplicazion de gnove leç regjonâl sul furlan (declarazions che o cjatais intal prin coment). In sostance Molinaro al dîs che cheste Zonte regjonâl no vûl meti in vore la leç (L.R. 29/2007). Al somee che i nestris politics a sedin ancjemò restâts une vore indaûr su la tematiche dai dirits linguistics. I dirits linguistics a son apont dirits e no puedin cambiâ cul cambiâ di une aministrazion. Par capî miôr cuâi che a son i dirits linguistics dal popul furlan us conseìn di lei la "Risoluzion Arfè", un curt e sintetic document dal Parlament european dal 1981 (plui di vincj agns indaûr!). Cuissà se l'assessôr Molinaro e i components de Zonte regjonâl lu àn let! A lei ciertis robis che a disin al pararès propit di no ...

3 commenti:

Matieu ha detto...

Dal sît de "La vita Cattolica".
17/06 LEGGE SUL FRIULANO

Non facciamo per ora passi indietro, ma non ci saranno le espansioni che la legge immaginava", ha fatto sapere l'assessore alla Cultura, Roberto Molinaro, al termine della riunione di maggioranza svoltasi a Udine. "Attendiamo l'esito del contenzioso costituzionale prima di modificare la legge - ha proseguito - ma non saranno applicate le parti della norma che sono oggetto d'impugnazione da parte del Governo". Per il momento, ha fatto sapere Molinaro, "sull'utilizzo del friulano nelle istituzioni pubbliche rimarremo al livello attuale e attenderemo anche per l'uso veicolare a scuola". Sul tema dell'opzione per l'insegnamento, "le scuole si stanno muovendo in autonomia - ha detto Molinaro - e anzi va detto che il Governo contesta alla Regione di aver violato proprio le norme sull'autonomia scolastica". Al momento, la questione del silenzio-assenso, dunque, resta in capo agli istituti, "ma se la norma dovesse rimanere dopo la sentenza della Corte costituzionale - ha precisato Molinaro - noi intendiamo riportarla al dettato della legge 482".

Sporteliscj di Furlan ha detto...

Se si lei l'articul sul Piccolo di vuê (pagj. 9) la situazion e je ancjemò piês:
"Abbiamo tutti gli strumenti per non attuare le norme che non condividiamo e che sono proprio quelle oggetto di ricorso. Basta non approvare i regolamenti attuativi".
Ben no? Une leç cence regolaments e cence liniis di finanziament, in pratiche abrogade cence fâ fature!

Jaio ha detto...

Nol é dificile di fâ il mulinâr cuant ch'a si sà ch'al in sarà simpri avonde int ch'a varà bisugne de farine par fâ il pan:-)