18/06/08

Rupel : pôc rispiet pe minorance slovene

Il ministri pal forest de Slovenie Dimitrij Rupel al à riclamât la atenzion del president de regjon Friûl-VJ Tondo sul fat che la minorance slovene no je rispietade a suficience. Tal prin coment lis declarazion di Dimitrij Rupel.

2 commenti:

Matieu ha detto...

«Per il rispetto della minoranza slovena in Italia ci siamo un po' lamentati – ha detto il ministro degli Esteri sloveno, Dimitrij Rupel, al termine dell' incontro con Tondo –. Abbiamo parlato del tasso di soddisfazione della minoranza slovena. Non tutti i diritti vengono rispettati in modo soddisfacente». La Slovenia ha chiesto, tra l'altro, la costituzione di una commissione che verifichi la tutela dei diritti della minoranza slovena e l'applicazione del bilinguismo in particolare a Gorizia. «Abbiamo convenuto – ha detto il presidente Tondo – che le leggi esistono e sono buone, bisogna soltanto applicarle».

(La vita Cattolica 11/6/2008)

Jaio ha detto...

Ce ch'al é biel al é soredut il fat che un sloven, un vecjo iugoslâf, un comunist, un vecjo nemîc al vegni a disi chestis rôbis a un dai nestris responsabils.Par fuarce che cun le Europe lui al a interes a tignî par chei che cjacarin le so lenghe. Ma nô, no vino un comunist, un ce sao jó ch'al tegni par nô di cualchi bande? Tondo?
O sai che in Slovenie, mi pâr ch'a in d'é 30000 personis ch'a son zence documents e zence dirits di ogni sorte parcé che une dí, i slovens e an gambiât le leç e che i slovens a podaressin ocupâsi plui di chei ch'a nol sarès mâl ma ce saial Tondo di chest par podê replicâ? Lui al sloven al dîs ch'o vin di aplicâ lis leçs ch'o vin e ch'a son buinis e ai triestins al dîs ch'o vin di gambiâlis parcé ch'a no son buinis. Dutcâs, Tondo al sarà taront ma no spiçot parcé che che âltre sere a Bruxelles o ai podût lâ a un concert finanziât de union europeane in favôr des comunitâts slavis in Europe e o ai cussí savût che chiste iniziative a ere nassude in Slovenie. Cussí mi soi gjoldût un concert cun 7 virtuosos rùs de fondazion Vladimir Spievakov. Rôbis che in Friûl, cun Tarondo o cun Spiciotto no varès mai vût le ocasion di viodi.